Personal Power II – Day 11 – Condizionare il successo – Il potere dei rituali


I nostri rituali controllano la nostra vita, sia che ne siamo coscienti o meno. Le emozioni che proviamo sono il risultato dei nostri rituali, ovvero dei modi abituali che abbiamo di vedere il mondo, di parlarci e di muoverci. Possiamo controllare i pattern che creano abitudini per crearne di nuove.
Abbiamo rituali che non vanno bene? Abbiamo emozioni che proviamo che non sono d’aiuto?

  1. Scrivere 5 emozioni negative che proviamo regolarmente.
  2. Scrivere cosa dobbiamo fare per provare queste emozioni. Cosa dobbiamo credere? Che rituali abbiamo? Come ci stimola l’ambiente? Elencare i passi.
  3. Scrivere 5 emozioni positive che proviamo regolarmente.
  4. Scrivere i rituali anche per queste emozioni

Abbiamo ancore che lanciano in nostri rituali. Possiamo però interrompere il pattern del rituale e crearne un altro.
Ricordarsi che non basta sapere, bisogna utilizzare quello che impariamo.

Anche il rimandare è un rituale. Possiamo anche rimandare il rimandare!

  1. Capire come creiamo il rituale
  2. Capire che rimandando proviamo piu dolore che non rimandando. Cosa ci costa?
  3. Pensare ai risultati positivi che otteniamo se facciamo qualcosa. Se avessimo già fatto ciò che dobbiamo fare, come ci sentiremo?
  4. Prendere l’abitudine di dire “Voglio fare…” piuttosto che “Devo fare…”
  5. Prendere l’abitudine di muovere il proprio corpo per interrompere il pattern del rimandare.

Esercizio:

  1. Rivedere le emozioni negative e come le creiamo. Sviluppare un’interruzione di pattern per ognuna.
  2. Rivedere le emozioni positive e determinare come si possono provare più spesso
  3. Scrivere cosa ci fa andare nel rituale del rimandare e come interromperlo

Alessandro

Graduated in computer science, is passionate about music, videos and travels.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.