Ricerca di un appartamento


Dopo aver deciso di andare a vivere da solo (idealmente in un mini appartamento in città), ed aver fatto qualche calcolo (li vedremo più avanti), è giunto il momento di cercare l’immobile.

Essenzialmente, effettuo le ricerche utilizzando siti di annunci come Immobiliare.it, Casa.it, Bakeka.it e Subito.it. I primi due sono chiaramente portali specializzati nella ricerca di immobili, mentre Bakeka e Subito sono siti di annunci generici, che contengono però anche annunci di case in vendita o in affitto. Per comodità, installo le app relative nel mio smartphone. In particolare, l’app di Immobiliare.it permette di salvare le ricerche in modo da essere avvisati con una notifica ogni volta che un immobile viene reso disponibile nell’area interessata.

Immobiliare.it ricerca immobili vicenza
App Immobiliare.it

La ricerca dell’appartamento

Seleziono quindi la mia area di ricerca disegnandola direttamente sulla mappa ed imposto alcuni criteri come il prezzo massimo di affitto di 500 euro. Il mio budget è ben al di sotto di questa cifra (magari anche sotto ai 400 euro), ma ho notato che sono presenti alcuni mini appartamenti poco sopra i 400 euro che comprendono già le spese di luce, acqua e/o gas, e non voglio escluderli.

Decido di contattare telefonicamente alcuni inserzionisti (alcuni non rispondono, altri hanno già affittato l’appartamento), mentre altri li contatto tramite il form di invio mail presente nelle varie app.

Qualche minuto dopo aver scritto una di queste mail, mi chiama un amico chiedendomi se sto cercando casa. Uno degli annunci, fatalità, è stato inserito da suo padre, e decido quindi di andare a vedere subito l’appartamento in questione.

La visione dell’appartamento

L’appartamento è piccolo (36 metri quadrati) ed è situato in un complesso di 120 appartamenti! Lo stabile gode di una pessima fama ma, grazie alla gestione da parte di Arkom, è stato ripulito: telecamere, controllo degli accessi, allontanamento di inquilini abusivi… Lo stesso mio amico ha comprato uno degli appartamenti per andarci a vivere. Decido quindi di dargli una chance. Abitare in un mega complesso in una zona movimentata non mi disturba: avrò modo di vivere in un posto più tranquillo in futuro.

Il canone di affitto è di 350 euro comprese le spese condominiali, e riesco ad ottenere anche un garage spazioso ad un totale di 410 euro. Ok, la cifra è alta per le dimensioni dell’appartamento e soprattutto per la zona (è comunque un palazzo di 8 piani e 120 appartamenti).

Gli interni

La cosa che mi piace però è che è completamente arredato a nuovo (ci sono lavatrice, lavastoviglie, TV 3D e perfino asciugamani, pentole, posate e bicchieri). Insomma, non dovrei acquistare quasi niente, e questo non è male data la mia permanenza temporanea. Inoltre, non devo passare per agenzie, che in genere si intascano una mensilità come provvigione.

L’appartamento, seppur piccolo, è stato arredato in modo intelligente. Zona giorno/cucina, bagno, camera da letto e terrazzino. Sono presenti frigo e congelatore ampi, letto con scompartimento, divano letto, armadio molto spazioso, e tante mensole in cucina.

L’acqua è condominiale, quindi pagherei direttamente i consumi al padrone di casa. Gas e luce invece sono già allacciati e dovrei essenzialmente fare il cambio di intestatario. Decido di pensarci un po’ su, mostrarlo anche ai miei, e vedere anche qualcos’altro.

Per scrupolo vedo un secondo appartamento che costa un po’ meno (390 euro), senza garage (ma posto auto al piano interrato) ed è molto luminoso. Servirebbe fare qualche intervento prima di entrarci, e la condizione dei mobili non è il top. Certo, la “bellezza” dell’appartamento non è un fattore discriminante per me, ma capisco perché il primo che ho visto costava tanto: non c’è paragone.

La scelta dell’appartamento

Diversi fattori mi spingono verso il primo mini: evitare agenzie, il fatto che è pronto all’uso (non dovrò comprare nemmeno le pentole!), le dimensioni ridotte (poco da pulire, poco da riscaldare…), ed il fatto che il proprietario è un mio conoscente e che è al corrente della mia permanenza temporanea. Ma a dire il vero, l’appartamento mi è proprio piaciuto tanto!

Decido quindi di chiamare e confermare la mia scelta. Mi attende quindi la firma del contratto di affitto.

 

Rispondi